News

-A +A
  • NEWS Ambiente: 29 gennaio 2014, in vigore il nuovo regolamento nazionale su acque fluviali e lacustri e corpi idrici

    Ambiente: 29 gennaio 2014, in vigore il nuovo regolamento nazionale su acque fluviali e lacustri e corpi idrici -  Entra in vigore il 29 gennaio 2014 il D.M. del ministero dell'Ambiente del 27 novembre 2013, n. 156: "Identificazione dei corpi idrici artificiali e fortemente modificati per le acque fluviali e lacustri - Criteri tecnici - Modifica alla Parte III del D.Lgs 152/2006", pubblicato in G.U. il 14 gennaio 2014.
    Il decreto tratta della metodologia da utilizzare per identificare, tra le acque fluviali e lacustri, i corpi idrici artificiali e fortemente modificati.
    La direttiva 2000/60/CE di riferimento riconosce che tali tipologie di corpo idrico non sono effettivamente in grado di rispettare l'obiettivo ambientale generale previsto per tutte le acque superficiali, ossia il raggiungimento del "buono stato ecologico e chimico" entro il 2015 e consente pertanto agli  Stati membri, rispettando determinate condizioni, di prorogare per le stesse il termine di raggiungimento dell’obiettivo o attribuire loro obiettivi ambientali meno restrittivi.

  • NEWS: Salute e sicurezza sul lavoro: dal 21 gennaio 2014, al via le domande per il bando ISI INAIL 2013

    Aperto il bando ISI INAIL 2013, già annunciato nel maggio 2013 e accompagnato da una solida campagna informativa, che prevede uno stanziamento di 307,359 milioni di euro in conto capitale, destinati a progetti sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

    Le somme erogate coprono il 65% dell'investimento effettuato dall'azienda, per un massimo di 130mila euro, e vengono assegnati a fondo perduto fino a esaurimento.

    Per partecipare, le imprese (anche individuali, purché iscritte alla Camera di commercio industria, artigianato e agricoltura) devono inserire il proprio progetto online dal 21 gennaio all’8 aprile 2014.

    Superata la fase di valutazione del progetto, possono procedere all'invio telematico della domanda.

    I progetti devono rientrare in uno dei seguenti ambiti: investimento; responsabilità sociale e adozione di modelli organizzativi; sostituzione - o adeguamento - di attrezzature di lavoro messe in servizio prima del 21 settembre 1996 con attrezzature che soddisfino i requisiti di cui al Titolo III del D.Lgs. 81/2008 s.m.i. e di ogni altra disposizione di legge applicabile in materia.

    Per maggiori informazioni clicca qui

  • NEWS - Legalità: approvato il Piano nazionale anticorruzione, piani triennali entro il 14 gennaio 2014

    L'11 settembre 2013 è stato approvato in via definitiva il Piano nazionale anticorruzione (PNA), previsto dalla legge n. 190 del 2012 "Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione", predisposto dal dipartimento della Funzione pubblica e approvato dalla CiVIT, Autorità nazionale anticorruzione.

    Il Piano prevede che ciascuna amministrazione adotti il proprio Piano triennale di prevenzione della corruzione (PTPC), di norma inclusivo anche del Programma triennale per la trasparenza e l'integrità, e lo comunichi al dipartimento della Funzione pubblica entro il 31 gennaio 2014, secondo la procedura stabilita dal dipartimento della Funzione pubblica, che ne prevede la pubblicazione sul sito istituzionale di ciascun ente.

    I piani triennali devono individuare le aree a rischio, gli interventi necessari per ridurre i rischi, le iniziative di formazione e i referenti e i soggetti tenuti a rapportarsi al responsabile della prevenzione, nonché il responsabile per ciascuna delle misure previste dal Piano, prevedendo inoltre modalità e tempi di attuazione delle altre misure di carattere generale contenute nella L. 190/2012.

    I sistemi informativi devono essere adeguati a quello nazionale per la corretta gestione dei flussi di informazioni.

    Si segnala che il PNA estende l'obbligo di nominare il responsabile anticorruzione anche agli enti pubblici economici e agli altri enti di diritto privato in controllo pubblico, ossia "le società e gli altri enti di diritto privato che esercitano funzioni amministrative, attività di produzione di beni e servizi a favore delle amministrazioni pubbliche o di gestione di servizi pubblici, sottoposti a controllo ai sensi dell'articolo 2359 c.c. da parte di amministrazioni pubbliche, oppure gli enti nei quali siano riconosciuti alle pubbliche amministrazioni, anche in assenza di una partecipazione azionaria, poteri di nomina dei vertici o dei componenti degli organi" (art. 1 comma 2 c del D.Lgs. n. 39/2013).

    La normativa che, successivamente alla L. 190/2012, ha completato la disciplina complessiva sulla prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione comprende i D.Lgs. n. 33/2013 e n. 39/2013 e il D.P.R. n. 62/2013.

    Per maggiori informazioni e per scaricare il Piano nazionale anticorruzione clicca qui.

  • NEWS: Sicurezza: 22 novembre 2013, sul sito INAIL il modello per far domanda di riduzione del tasso medio di tariffa per gli interventi 2013

    INAIL ha pubblicato sul proprio sito il modello di domanda per la riduzione, dopo il primo biennio di attività, del tasso medio di tariffa dei premi che le aziende devono pagare, a fronte di interventi effettuati nel 2013 per il miglioramento delle condizioni di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro (modello OT24).
    Le domande vanno presentata all'INAIL entro il 28 febbraio 2014.
    Si segnala che la riduzione è concessa solo dopo l'accertamento dei requisiti di regolarità contributiva.
    Per maggiori informazioni clicca qui

  • NEWS: raccolta differenziata: pubblicata da CONAI la guida "Etichetta per il Cittadino"

    CONAI ha reso disponibile sul suo sito un vademecum per cittadini e aziende che spiega il funzionamento del sistema di etichettatura 'ambientale' degli imballaggi, studiato per agevolare una raccolta differenziata in grado di garantire il più alto livello possibile di recupero e riciclaggio degli imballaggi o il loro smaltimento in modo ecocompatibile.

    L'etichetta 'verde' viene adottata dalle aziende su base volontaria e fornisce istruzioni sulla gestione degli imballaggi dei prodotti a fine vita.

    Il vademecum è il risultato del lavoro del Gruppo di prevenzione CONAI, a cui partecipano il Consorzio nazionale imballaggi, Rilegno e gli altri consorzi di filiera e alcuni rappresentanti delle imprese e delle loro associazioni.

    Scarica la guida "Etichetta per il Cittadino".

    Per approfondimenti normativi o tecnici si possono invece consultare le "Linee Guida per l'etichettatura ambientale degli imballaggi", pubblicata dalla commissione Ambiente dell'Istituto italiano imballaggio, scaricabile dal sito di CONAI.

  • NEWS: 16-24 novembre 2013, riparte la Settimana europea per la riduzione dei rifiuti

    Dal 16 al 24 novembre 2013, in tutta Europa enti di diversa natura (enti locali, istituzioni pubbliche, autorità territoriali, associazioni e organizzazioni no profit, scuole e università, imprese, ecc.) saranno impegnati in azioni pratiche e di sensibilizzazione per la riduzione dei rifiuti nell'ambito della SERR 2013, la Settimana europea per la riduzione dei rifiuti, arrivata alla quinta edizione e presentata in Italia nell'ambito della fiera Ecomondo a Rimini.
    La manifestazione è sorta all’interno del Programma LIFE+ della Commissione europea, volto a sensibilizzare istituzioni, stakeholder e consumatori sulle politiche di prevenzione della produzione di rifiuti dell'Unione europea che gli Stati membri devono attuare concretamente.
    Per partecipare alla Settimana, gli enti interessati (o "Project Developer") si sono iscritti proponendo progetti e iniziative concrete da attuare o avviare proprio nei giorni dell'evento.
    Con ben 5.261 azioni condotte in Italia, l'edizione 2012 ha registrato il primato italiano del numero di adesioni all'iniziativa, numero che nel 2013 ha toccato quota 5.399.
    Quest'anno si è passati dalla "giornata tematica", in cui la stessa azione si svolgeva contemporaneamente in più luoghi, a una serie di azioni concentrate su un unico argomento legato alla prevenzione dei rifiuti, la riparazione e il riuso.
    Per maggiori informazioni clicca qui

  • NEWS Sistemi di gestione: INAIL, pubblicata la revisione delle "Linee di indirizzo SGI-AE"

    INAIL ha pubblicato sul proprio sito l'edizione 2013 delle "Linee di indirizzo SGI-AE, Sistema di gestione integrato salute e sicurezza ambiente Aziende energia", approvata con determina n.167 dell'8 luglio 2013.
    Questo strumento è il frutto del lavoro congiunto di INAIL, Confindustria Energia e Organizzazioni sindacali Filctem-CGIL, Femca-CISL, Uiltec-UIL sui sistemi di gestione integrati Salute-Sicurezza-Ambiente, che sono stati individuati quali strumenti risolutivi per l'attuazione di pratiche di eccellenza nel settore della tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori e dell'ambiente.
    Novità dell'edizione 2013 è l'inserimento del capitolo "Modelli di Organizzazione e Gestione" e di due ulteriori procedure operative relative, rispettivamente, al lavoro in ambienti confinati e allo stress lavoro correlato.
    Si ricorda che le "Linee di Indirizzo del Sistema SGI-AE" sono rivolte alle aziende del settore Energia Petrolio e che l'adesione, che consiste nell'implementazione di un sistema di gestione integrato conforme alle suddette Linee, ha carattere volontario per le aziende.
    Per maggiori informazioni e per scaricare le Linee guida clicca qui

  • NEWS Ambiente: gli impianti del Gruppo A2A aprono alle scuole

    35 siti in tutta Italia, tra centrali termoelettriche, idroelettriche, termovalorizzatori e dighe, aperti agli studenti grazie al Progetto Scuola A2A, un'iniziativa delle società del gruppo A2A, che da più di 20 anni propongono alle scuole dei territori dove svolgono la loro attività progetti didattici per promuovere la cultura del rispetto dell'ambiente tra i giovani e far loro conoscere diverse realtà produttive.

    L'edizione di quest'anno, come sempre partita in settembre con l'invio del calendario scolastico agli oltre 1.900 istituti scolastici coinvolti, verte sul teleriscaldamento e prevede l'iscrizione gratuita al FAI per gli studenti e i docenti aderenti e la consegna di un kit Didattico Scuola, un piccolo zaino e un quaderno dedicato ai comportamenti ecosostenibili.

    Le visite per tutti gli impianti del gruppo A2A possono essere prenotate compilando un modulo sul sito progettoscuola.a2a.eu.

    L’offerta didattica delle società del Gruppo include anche iniziative progettate e sviluppate per specifici territori in funzione delle esigenze delle comunità locali e dei servizi offerti, che vanno da concorsi scolastici agli interventi in aula sui temi di educazione ambientale.

  • NEWS Scuola e salute: in Toscana i bambini fanno stretching in classe

    Un'iniziativa lanciata nelle scuole del territorio servito dalla ASL di Pistoia si ripete per il secondo anno di sperimentazione in tutta la regione Toscana: si tratta del progetto "Stretching in classe", avviato nell'ambito del programma nazionale 'Guadagnare Salute' promosso dal ministero della Salute.

    Obiettivo dell'azione è contrastare gli effetti della sedentarietà e del mantenimento prolungato di posture spesso scorrette tra i banchi di scuola e sensibilizzare alla necessità di svolgere assiduamente attività fisica per preservare la salute.

    Nel programma, il concetto di salute si estende dal buon funzionamento del corpo allo sviluppo delle cosiddette 'life skills', ossia le capacità cognitive, emotive e relazionali che ci consentono di stare bene con noi stessi e con gli altri.

    Nell'anno scolastico 2013-2014 verranno coinvolti oltre 4.000 studenti assieme coi loro insegnanti, per i quali sono stati attivati specifici corsi di formazione tenuti da formatori e insegnanti di educazione motoria e medici dello sport.

  • Privacy: 17 agosto 2013, aumentano i reati a cui si applica il D.Lgs. 231

    In linea con le disposizioni dell'art. 9 del D.L. 14 agosto 2013, n. 93 (decreto recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere), aumentano i reati presupposto che fanno scattare la responsabilità amministrativa degli enti ai sensi del D.Lgs. 231 del 2001. Si tratta di reati relativi alla frode informatica con sostituzione dell'identità digitale, falsificazione di carte di credito e delitti in ambito privacy e, più in dettaglio:

    • delitto di trattamento illecito dei dati personali (art. 167 del Codice privacy);
    • delitto di falsità nelle dichiarazioni e notificazioni al Garante (art. 168);
    • delitto di inosservanza dei provvedimenti del Garante (art. 170);
    • delitto di indebito utilizzo e falsificazione di carte di credito (art. 55, comma 9 del D.Lgs. 21 novembre 2007, n. 231);
    • reato di frode informatica con sostituzione dell'identità digitale (art. 640-ter, comma 3 del codice penale).

    Tali reati comportano sanzioni pecuniarie e interdittive: interdizione dall'esercizio dell'attività, sospensione o revoca delle autorizzazioni, licenze o concessioni funzionali alla commissione dell'illecito; divieto di pubblicizzare beni o servizi.

Pagine